Al via il progetto “Coltiva la Libertà”, sottoscritta la convenzione

In Area Stampa

Lo scopo è quello di supportare persone in esecuzione penale esterna, mediante l’inserimento lavorativo nel settore dell’agricoltura.

Il giorno 12 aprile, presso l’UIEPE – l’Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna di Bari per la Puglia e la Basilicata, alla presenza del Direttore Dott. Pietro Guastamacchia e del Rappresentante legale di Agromnia Dr. Agr. Mauro Guglielmi, è stata sottoscritta la convenzione finalizzata all’avvio del percorso formativo COLTIVA LA LIBERTA’.

Il progetto, di cui l’Ente di formazione in partnership con ISOLASOCIALE Soc. Coop. Soc.  risulta assegnatario di finanziamento regionale, ha lo scopo di supportare soggetti in esecuzione penale esterna, mediante un’azione formativa finalizzata all’inserimento lavorativo degli allievi nel settore dell’agricoltura. Il percorso vede l’interazione di 585 ore di teoria (modulo di base in agricoltura, modulo agroalimentare, modulo ambientale e modulo autoimprenditorialità) con 12 mesi di tirocinio presso le realtà aziendali di rilievo nell’agro del nord barese. Imparare lavorando ed imparare a lavorare in uno spazio aperto e a stretto contatto con la natura sarà il giusto connubio per raggiungere un duplice obiettivo: formare ed educare.

Saranno messi a punto percorsi individualizzati e professionalizzanti grazie all’ausilio di professionisti del settore: le lezioni frontali vedranno in qualità di docenti i soci e i partners della Soc. Coop. Agromnia che metteranno a disposizione le loro esperienze e competenze maturate in anni di attività. Ci sarà anche il coinvolgimento di un’equipe specializzata composta da psicologi, sociologi ed educatori che accompagneranno e affiancheranno gli allievi in tutti i 18 mesi di formazione.

Ebbene, Coltiva la libertà è l’occasione per creare un nuovo welfare locale che nasce dall’unione di due mondi – quello agricolo e quello sociale – creando l’occasione per rimotivare all’apprendimento e per sostenere l’ingresso – a chi ha alle spalle un percorso di vita difficile – in un settore sempre alla ricerca di nuova forza lavoro.

Il confronto con le componenti istituzionali, con gli assistenti sociali dell’ UIEPE del Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità del Ministero della Giustizia, con la Magistratura, resta un punto di riferimento fondamentale dell’esperienza progettuale.

You may also read!

WORKSHOP “SFRUTTARE APPIENO LE POTENZIALITA’ OFFERTE DALLA DUPLICE ATTITUDINE DELLA PERANZANA” – TORREMAGGIORE – 30 SETTEMBRE 2020

L'Associazione "La Peranzana: oliva e olio della Daunia", in collaborazione con l'Università di Foggia, organizza un workshop intitolato "Sfruttare

Leggi Tutto...

INVITO WEBINAR 6 OTTOBRE GO PEI TOSCANA

GO-PROSIT Piattaforma digitale per la gestione sostenibile e la valorizzazione dei terroir viticoli In viticoltura la qualità è strettamente connessa alla territorialità.

Leggi Tutto...

COMUNICATO STAMPA – WORKSHOP “SFRUTTARE APPIENO LE POTENZIALITA’ OFFERTE DALLA DUPLICE ATTITUDINE DELLA PERANZANA”

Un’occasione imperdibile per scoprire la duplice attitudine della peranzana, ovvero il suo essere nello stesso tempo una squisita oliva

Leggi Tutto...

Lascia un commento :

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Menu scorrevole mobile